News

AZIONE URGENTE PER GÖKHAN YILDIRIM

Gökhan Yıldırım, che ha ottenuto la vittoria  al 256° giorno di sciopero della fame fino alla morte e ha  costretto il governo  fascista dell ‘AKP a indietraggiare  e quindi a rilasciarlo.
Oggi ,22 novembre, è stato nuovamente arrestato dagli agenti di polizia  dell’AKP in pieno giorno, mentre camminava lungo la strada del  quartiere Çayan di Istanbul. È stato portato alla stazione di polizia di Vatan dalla polizia torturatrice dell’AKP e sarà portato in tribunale domani.
Gökhan è stato condannato a 46 anni di carcere dai boia dell’AKP perché si è battuto contro le politiche dell’AKP di spacciare la droga nei quartieri e di allontanare la gente dalla lotta. Gökhan Yıldırım, che non ha accettato questa ingiustizia, ha iniziato la resistenza con lo sciopero della fame fino alla morte, al 256° giorno di resistenza, ha distrutto le politiche di dominio del fascismo dell’AKP ed è stato rilasciato. Il governo fascista dell’AKP, non può tollerare questa vittoria, sta cercando di vendicarsi detenendo oggi Gökhan sotto tortura.
Qualunque cosa faccia il fascismo dell’AKP, è destinato a essere sconfitto di fronte ai figli del popolo che resistono per la giustizia. Continueremo a resistere contro gli attacchi del dominio dell’AKP con Gökhan, Sibel e İleri continueremo a ottenere vittorie.
Il fascismo dell’AKP non potrà oscurare la vittoria che abbiamo ottenuto insieme ai nostri compagni, con l’abbraccio del nostro popolo e la solidarietà internazionale. Chiediamo ai popoli del mondo di sostenere Gökhan Yıldırım.
Rilascia Gökhan Yıldırım ora!
Gökhan Yıldırım è il nostro onore!
La dignità umana sconfiggerà la tortura!
Abbasso il fascismo, viva la nostra lotta!
Fronte Anti-Imperialista
22.11.2022
In inglese: https://anti-imperialistfront.org/gokhan-yildirim-who-was-released-after-gaining-victory-on-the-256th-day-of-the-death-fast-resistance-was-detained/
———————————-
APPELLO ALL’AZIONE
Dopo 256 giorni di Resistenza,la condanna di Gökhan Yıldırım è stata rinviata di 6 mesi , questa stessa decisione è stata ora annullata dalla Procura di Tekirdağ. Gökhan Yıldırım è stato portato nel carcere di Silivri dopo essere stato rapito in mezzo alla strada con la tortura, vicino alla casa in cui alloggiava. L’aggressione è avvenuta mentre stava tornando dal trattamento medico.
Gökhan Yıldırım ha un appuntamento per una visita medica presso l’Istituto di Medicina Legale il 5 febbraio. È illegale revocare il rinvio dell’esecuzione della sentenza mentre è in corso il suo trattamento. Questa situazione mette a rischio la salute di Gökhan Yıldırım.
Gökhan Yıldırım non è stato sottoposto a misure di controllo giudiziario o a condizioni di libertà provvisoria nell’ambito di questa decisione. È stato trattenuto davanti casa sua mentre soffre ancora di dolori neuropatici. Non ci sono condizioni per revocare la decisione presa dalle istituzioni statali.
Questo attacco è un comportamento arbitrario da parte di coloro che sono al potere ed è dovuto al fatto che non possono tollerare la vittoria di coloro che resistono. Ancora una volta il fascismo in Turchia opera attraverso le leggi nemiche su ordine del governo dell’AKP, calpestando lo Stato di diritto del Paese e violando le norme internazionali. Continueremo a ritenere responsabili coloro che impongono la prepotenza legale e difenderemo il diritto a un processo equo e alla giustizia.
RILASCIA SUBITO GÖKHAN YILDIRIM
AZIONE URGENTE PER GÖKHAN YILDIRIM
——————————————————–
SIAMO TUTTI GÖKHAN
Non potevano tollerare la vittoria di Gökhan.
Non lasciamo solo il veterano del Death Fast.
COSA SI PUÒ FARE?
1-) Si puo’ richiedere al Ministero della Giustizia su Twitter di rilasciare immediatamente Gökhan.
Account Twitter:
@adalet_bakanlik
@Higm_Adalet
2-) Cambiare l’avatar del profilo dell’account sui social media.
Inserire il logo con la scritta “Siamo tutti Gökhan” sull’ account dei social media.
Rilasciate immediatamente Gökhan Yıldırım!
Fronte Anti-Imperialista

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Comments are closed.

More in:News